Orsogna, via Paolucci è una trappola mortale. Il sindaco chiede intervento urgente di Provincia e Regione. Montepara: 'Fondi subito, basta promesse, il tempo è scaduto'

Incidente mortale Orsogna

Il sindaco, Fabrizio Montepara, e la Giunta comunale di Orsogna hanno nuovamente chiesto alla Regione Abruzzo e alla Provincia di Chieti di rendere rapidamente disponibili i fondi necessari alla sistemazione di via Raffaele Paolucci, la strada provinciale che attraversa il centro abitato e rappresenta un pericolo costante per automobilisti, ciclisti e chiunque la percorra a piedi o su un veicolo. Proprio qui, lo scorso 22 dicembre, si è verificato un incidente mortale in seguito allo scontro frontale tra autovetture. Dossi, buche e malformazioni di ogni genere hanno reso il manto stradale pericoloso e inducono gli automobilisti a transitare al centro della carreggiata.
«Il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, dice che i soldi, anzi tanti soldi, ci sono - afferma Montepara -, mentre il presidente della Provincia, Mario Pupillo, in un recente incontro con i sindaci per fare il punto della situazione della viabilità, ha invece affermato che i fondi non sono disponibili. E’ da quando sono stato eletto, nel 2014, che invio decine di lettere, richieste, proposte, sollecitazioni, relazioni della Polizia municipale, partecipo a incontri e ogni volta si torna al punto di partenza, è tutto un “vedremo e faremo”. Nel frattempo ci è “scappato il morto”. Se fosse una strada di competenza del Comune avremmo risolto da tempo, mentre da Regione e Provincia, ormai da quattro anni, otteniamo solo promesse. Se non avremo in tempi rapidi un progetto cantierabile, approvato e finanziato - conclude Montepara -, saremo costretti come Amministrazione comunale ad avviare iniziative drastiche per tutelare l’incolumità dei cittadini che percorrono il viale».

Incidente mortale Orsogna



Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information